Colluttori

Il collutorio è un liquido che può essere utilizzato puro o diluito con acqua per risciacquare la bocca oppure mantenuto in essa per trattare affezioni gengivali, linguali e dentali.

I colluttori utilizzati per risciacqui posso aiutare, ma non possono sostituire lo spazzolino da denti ed il filo interdentale, a rimuovere la placca batterica, a rimineralizzare i denti, a disinfettare la bocca, a contrastare l’insorgenza delle carie e a rinfrescare l’alito.

La capacit√† di pulizia dei colluttori √® basata solo sui movimenti che si verificano durante il risciacquo, l’aroma contenuto favorisce la sensazione di pulizia.

Il fluoro contenuto in alcuni colluttori non √® sufficiente per ottenere un’azione vantaggiosa da parte di questa molecola, piuttosto √® preferibile l’uso di un dentifricio che la contenga.

I collutori medicali vengono utilizzati in occasione di eventi ben precisi quali interventi chirurgici, parodontali e ogni qualvolta sia necessario un aiuto per limitare i  depositi di placca sui denti e sulle gengive oppure sulle suture, sarà il medico a prescrivere il prodotto adatto alla situazione e determinarne la durata e quantità del trattamento.

In commercio esistono colluttori a base di:

Clorexidina, che hanno capacit√† di ridurre i depositi di placca batterica, non ne √® consigliato un uso prolungato poich√© potrebbe alterare l’equilibrio dei batteri del cavo orale, dare alterazioni al gusto, pigmentazioni su denti e gengive. (Sono comunque effetti reversibili sospendendo la cura)

Zinco cloruro ed alcool etilico che hanno capacità astringente per gengive e mucose, indicate dopo la rimozione di placca e tartaro effettuata dal dentista.

Floruro amminico e floruro stannoso che hanno capacit√† antiplacca ed antibatteriche sono pi√Ļ indicati per agenti patogeni del cavo orale, ne √® possibile l’utilizzo per periodi prolungati.